KIM JI-YOUNG, NATA NEL 1982 di Cho Nam-Joo

 Buon pomeriggio, oggi vi parlo di un libro che mi ha piacevolmente sorpresa, si tratta di Kim Ji-Young, nata nel 1982 di Cho Nam-Joo, edito La Tartaruga che ringrazio per la copia cartacea.


Autore: Cho Nam-Joo

Traduzione: Filippo Bernardini

Editore: La Tartaruga

Pagine: 176

Genere: romanzo

Data di pubblicazione: 15 luglio 2021

Kim Ji-young, che è stata una normalissima bambina e adolescente, ora ha trent’anni, da un paio di anni è sposata e ha lasciato malvolentieri il lavoro per prendersi cura della sua bambina a tempo pieno. Un giorno, però, Ji-Young inizia a fingere di essere un’altra persona. Prima impersona sua madre, poi una vecchia compagna di scuola: non è uno scherzo, si immedesima completamente in loro, imitandone la voce e il pensiero in modo così perfetto che sembra quasi posseduta da un demone. All’inizio il marito liquida in fretta questi incidenti, ma la situazione peggiora e presto diventa chiaro che Ji-Young soffre di una sorta di disturbo mentale. Così le organizza sedute di terapia con uno psichiatra, che inizia a registrare la sua storia, che è poi la storia di tutte le donne: una storia di pregiudizi, di limitazioni, di accuse e di colpe attribuite gratuitamente; una storia di soprusi e di silenzi, di trattamenti differenziati – a scuola, a casa, nel lavoro; una storia in cui una donna è costretta a scegliere tra la carriera e la famiglia, in cui è sottoposta a severo giudizio qualunque cosa faccia e in cui la sua sofferenza – fisica e mentale – non conta mai davvero quanto quella degli altri, neppure per chi le vuole bene. Un romanzo crudo, ambizioso e straordinario, che offre uno sguardo onesto e senza veli sulla condizione delle donne nella società coreana, e non solo, e che racconta la misoginia attraverso la metafora spiazzante e radicale di una donna che, pur di essere finalmente libera, è costretta a perdere se stessa e la propria voce.


Kim Ji-Young, nata nel 1982 è uno dei libri più belli letti quest'anno ed è un libro che deve essere letto per le riflessioni che induce nel lettore. 
Protagonista è Kim Ji-Joung che conosciamo a 34 anni, sposata da tre e mamma da un anno. La donna vive con la famiglia a Seoul e ha dovuto abbandonare il lavoro per occuparsi della figlia. Compiuto un anno la bambina ha iniziato a frequentare l'asilo tutte le mattine. Kim Ji-Joung ha iniziato ad avere alcuni disturbi che preoccupano il marito, finge di essere un'altra persona imitandone la voce e il pensiero, prima imita la madre e poi una compagna di scuola. La donna inizia così ad andare in terapia da uno psichiatra che sviscera tutta la sua storia. Conosciamo così la vita di Kim Ji-Joung a partire dalla sua infanzia fino ad oggi. 
Scopriamo che la vita della donna è simile a quella di tante donne che vivono in Corea del Sud e non solo. Kim Ji-Joung è cresciuta con i genitori, la nonna, la sorella maggiore e il fratello minore. In Corea i figli maschi sono un dono e in famiglia il bambino ha sempre un trattamento privilegiato, viene servito prima a tavola, ha diritto alla porzione di cibo migliore, quando piove ha sempre un ombrello tutto suo mentre le sorelle devono sempre dividerne uno in due. Kim Ji-Joung vuole studiare e poi lavorare ma non è semplice perché è costoso e anche l'ambiente lavorativo è molto maschilista. Dover lasciare il lavoro dopo il parto è la goccia che fa traboccare il vaso, perché deve fare questo sacrificio? Perché sempre le donne devono fare rinunciare, mettersi da parte, passare in secondo piano rispetto agli uomini? 
Cho Nam-Joo con la sua scrittura fluida ci fa conoscere la vita di una donna coreana e di ciò che deve subire nell'arco della sua vita. E' impossibile non arrabbiarsi di fronte a tutte le ingiustizie che vive il genere femminile. Kim Ji-Joung anche lei vittima del sistema non si ribella, si rivela indolente e subisce senza mai alzare la testa. Mandare giù rospi, in continuazione si rivela per lei troppo, tanto da sviluppare disturbi mentali.
Leggete Kim Ji-Young, nata nel 1982 e non ve ne pentirete, Cho Nam-Joo ha un grande talento. Avevamo bisogno di questo libro!

L'AUTRICE
Cho Nam-Joo è nata nel 1978 a Seoul. Si è laureata presso il Dipartimento di Sociologia della Ehwa Women’s University. Ha lavorato per dieci anni come sceneggiatrice per programmi televisivi. Il suo romanzo When You Carefully Hear (2011) ha vinto il Munhakdongne Novel Award e For Comaneci (2016) ha vinto lo Hwangsanbeol Award for Young Adult Literature.

Commenti

Post popolari in questo blog

LE PERCEZIONI SENSORIALI NELL'AUTISMO E NELLA SINDROME DI ASPERGER di Olga Bogdashina

UNA SPECIE DI SCINTILLA di Elle McNicoll

MA LEI DOVE DORME? 24 ore accanto all’anziano affetto da demenza di C. Siviero e R. D’Alfonso